Convenzionato-ASL-INAIL-apparecchi-acustici-gratuiti - Centro per l'Udito | Apparecchi Acustici | Assistenza domiciliare

Logo-Cam-WeCare
Logo Cam WeCare srl
Vai ai contenuti

Convenzionato-ASL-INAIL-apparecchi-acustici-gratuiti



Convenzionato ASL-INAIL
per la fornitura GRATUITA
degli apparecchi acustici
(agli aventi diritto)


Il Centro Acustico Martesana è uno studio per la correzione dell'udito riconosciuto e accreditato dal Servizio Sanitario Nazionale ed inserito nell’Albo fornitori ASL – INAIL, quindi può (a coloro che ne abbiano i requisiti) concedere GRATUITAMENTE le protesi acustiche.

Per dovere di completezza, ci permettiamo di riportare le indicazioni dell'INPS.
In ogni modo, per qualsiasi chiarimento o informazione aggiuntiva, restiamo a vostra completa disposizione telefonando al n. 02/95.73.27.34 oppure inviando un'e-mail a info@camwecare.it


ITER OTTENIMENTO INVALIDITA' CIVILE

ACCERTAMENTO SANITARIO

I minorenni sono esentati dal processo di ottenimento dell'invalidità civile.
Sarà sufficiente che lo specialista accerti, mediante esami specifici, eventuale ipoacusia (perdita di udito).

L’accertamento sanitario, effettuato dalle Aziende Sanitarie Locali o, nelle Province dove la Regione ha delegato l’accertamento, direttamente dall’INPS, consente di verificare i requisiti sanitari richiesti per il riconoscimento dell’invalidità civile, cecità civile, sordità, disabilità e handicap.

Possono presentare domanda di riconoscimento dell’invalidità civile, cecità civile, sordità, disabilità e handicap:
  • i cittadini italiani con residenza in Italia;
  • i cittadini stranieri comunitari legalmente soggiornanti in Italia e iscritti all’anagrafe del comune di residenza;
  • i cittadini stranieri extracomunitari legalmente soggiornanti in Italia, titolari del requisito del permesso di soggiorno di almeno un anno, come previsto dall’articolo 41 del Testo Unico per l’immigrazione, anche se privi di permesso di soggiorno CE di lungo periodo.

Per avviare il processo di accertamento dello stato di invalidità civile l’interessato deve recarsi da un medico certificatore (è sufficiente il medico di base) e chiedere il rilascio del certificato medico introduttivo che deve indicare, oltre ai dati anagrafici, il codice fiscale, la tessera sanitaria, l’esatta natura delle patologie invalidanti e la relativa diagnosi.
Il medico compila il certificato online e lo inoltra all’INPS attraverso il servizio dedicato, stampando una ricevuta completa del numero univoco del certificato della procedura attivata. La ricevuta viene consegnata dal medico all’interessato insieme a una copia del certificato medico originale che il cittadino dovrà esibire all’atto della visita medica.
Per la presentazione della domanda d’invalidità civile, il certificato medico introduttivo ha una validità di 90 giorni.
Ottenuto il certificato medico, la domanda per il riconoscimento dello stato di invalidità civile, cecità civile, sordità, disabilità e handicap può essere presentata online all’INPS attraverso il servizio dedicato. In caso di minore vanno utilizzate le sue credenziali e non quelle del genitore o tutore. In alternativa, è possibile presentare la domanda tramite il patronato o un’associazione di categoria dei disabili (ANMIC, ENS, UIC, ANFASS).

L’accertamento del possesso dei requisiti sanitari previsti dalla legge per il riconoscimento dell’invalidità civile, cecità civile, sordità, disabilità e handicap viene eseguito da una Commissione medico-legale presso le Aziende Sanitarie Locali o direttamente presso l’INPS nelle Province dove la Regione ha delegato l’accertamento all’Istituto.
In caso di non trasportabilità il medico certificatore (solitamente medico di base o anche diverso da quello che ha certificato l’invalidità) deve compilare e inviare online il certificato medico di richiesta di visita domiciliare, almeno cinque giorni prima della data già fissata per la visita ambulatoriale.
Il presidente della Commissione medica si pronuncia entro cinque giorni dalla ricezione della richiesta, comunicando al cittadino la data e l’ora della visita domiciliare o indicando una nuova data di invito a visita ambulatoriale.
In caso di impedimento, l’interessato può scegliere tra una delle date possibili indicate dal sistema. Se l’interessato non si presenta alla visita viene convocato una seconda volta. Ogni ulteriore assenza sarà considerata rinuncia e farà decadere la domanda.
Alla visita l’interessato può farsi assistere da un medico di sua fiducia.
Al momento della visita, il cittadino deve consegnare alla Commissione copia di un valido documento di riconoscimento e la documentazione sanitaria in proprio possesso.
Ultimati gli accertamenti, la Commissione redige in formato elettronico il verbale di visita, che viene inviato all’interessato in duplice copia: una con tutti i dati sanitari, anche sensibili, e l’altra con il solo giudizio finale.

IMPORTANTE! Si considera riconosciuta l'invalidità civile se (da verbale pervenuto) la percentuale d'invalidità è pari o superiore al 34% e che tra le patologie sia presente l'ipoacusia (perdita di udito).

PRESCRIZIONE PROTESI ACUSTICHE

Consiglio fondamentale per ottenere il miglior beneficio dalle protesi acustiche:
recatevi presso un centro acustico convenzionato. Lì troverete la figura dell'audioprotesista, professionista laureato specialista in tecniche audioprotesiche; ti potrà consigliare la scelta migliore in funzione del tuo problema uditivo e del tuo stile di vita, nonché delle tue aspettative.
Inoltre, è importante precisare che, quando sarete all'appuntamento per la prescrizione degli apparecchi acustici, allo specialista prescrittore (solitamente l'otorinolaringoiatra inserito nell'albo dei medici prescrittori) dovrete esprimere la vostra scelta su il tipo di soluzione prescelta: sociale o riconducibile.

Ma qual è la differenza tra queste due soluzioni?
- Per sociale si intendono quelle soluzioni acustiche con caratteristiche basilari con costi completamente a carico delle SSN. GRATUITE.
- Per riconducibile, invece, si definiscono tutti gli apparecchi acustici con caratteristiche superiori a quelli sociali, in questo caso sarà sostenuta una parte dei costi.

Detto quanto sopra, la figura dell'audioprotesista è molto importante perché ha conoscenze tecniche specifiche per stabilire preliminarmente (insieme a voi) la soluzione più idonea, oltre a informarvi sugli aspetti economici e delle varie soluzioni presenti in quel dato momento sul mercato.

IMPORTANTE! Il contributo ASL non varia in percentuale al grado di sordità ma vi sono degli importi stabiliti dal cosiddetto "Nomenclatore Tariffario".

All'appuntamento per la prescrizione degli apparecchi acustici, vi dovrete recare muniti di fotocopia di invalidità in cui vi sia descritta la percentuale di invalidità (pari o superiore al 34%) e la patologia (ipoacusia), esami audiometrici completi, fotocopia tessera sanitaria e fotocopia documento d'identità.

Ottenuta la prescrizione da parte del medico prescrittore, recativi presso un centro acustico convenzionato o quello già prescelto, per l'applicazione delle protesi acustiche.

L'ultima fase si chiude con il collaudo, una forma di tutela da parte dell'assistito. Bisogna entro 20 giorni (ovviamente le tempistiche sono sempre superiori, in quanto in fase di prenotazione, le liste di attesa sono quasi sempre superiori, ma non è un vostra colpa) dall'applicazione ritornare dal medico che ha prescritto le protesi acustiche per verificare la corretta applicazione protesica.

Speriamo di esser stati esaustivi.

In ogni modo, per qualsiasi chiarimento o informazione aggiuntiva, restiamo a vostra completa disposizione telefonando al n. 02/95.73.27.34 oppure inviando un'e-mail a info@camwecare.it

Torna ai contenuti