Come aiutare una persona con difficoltà uditive

La perdita di udito, oltre ad essere un problema fisico, colpisce la persona che ne soffre nella quotidianità. Le difficoltà sono molteplici, perciò il supporto di parenti, amici e, perché no, colleghi, è fondamentale.


Si tende ad associare la perdita dell'udito al passare degli anni, quindi alla vecchiaia. In realtà alcune persone iniziano ad avere difficoltà uditive molto prima dell'età pensionabile, non è perciò da escludere che potresti dover sostenere una persona con problemi simili.



Perdita Uditiva: rapporti tra le persone


Convivere con una perdite uditiva è un percorso diviso in diverse fasi, solitamente la negazione del problema è fra le prime.


Potresti ritrovarti a renderti conto che qualcuno vicino a te, un amico, un parente o un collega, ha una perdita uditiva. Potesti addirittura scoprirlo prima di lui, in questo caso parlargliene garbatamente potrebbe essere la soluzione migliore e potrebbe spingerlo ad informarsi e cercare una soluzione.


A questo punto, dopo la negazione, una volta raggiunta la consapevolezza, dopo aver attraversato l'esitazione, arriva la motivazione di risolvere e affrontare la problematica.



Cosa puoi fare per essere d'aiuto?


La perdita uditiva, oltre ad affliggere chi ne soffre, provoca frustrazione a tutte le persone coinvolte e purtroppo in alcuni casi subentra l'isolamento sociale.


Che la persona vicino a te, afflitta da perdita uditiva, sia un parente, un amico o un collega, devi essere pronto e disponibile a modificare alcune abitudini quotidiane.


Prendendo ad esempio un ambiente di lavoro, ciò che si può fare è creare un ambiente di lavoro collaborativo, andando alla scrivania del collega per informarlo che gli altri stanno andando a pranzo, ripetergli le battute e renderlo partecipe alle chiacchiere.


Prestare molta attenzione, i suoi silenzi potrebbero voler dire che non riesce a seguire tutto ciò che viene detto. Non si tratta di maleducazione se evita alcune situazioni, ad esempio se scegliere di evitare la mensa, che è molto rumorosa, o i raduni di gruppo perché sa già che farà fatica a seguire una conversazione.


Pazienza ed empatia sono le parole chiave, ma non solo. Sii curioso di scoprire i “superpoteri” che ha dovuto sviluppare per far fronte alla sua ipoacusia, ma mai senza essere invadente o irrispettoso.




5 buone abitudini di comunicazione da seguire


Avere una perdita uditiva può portare chi ne soffre a sviluppare l'abilità della lettura labiale, perciò:


  1. Parla lentamente, con chiarezza e, se necessario, ripeti

  2. Mentre parli, rimani faccia a faccia, per permettere la lettura labiale

  3. Non parlare a bocca piena, con la mano davanti alla bocca o dando le spalle

  4. Non chiamarlo per nome quando ti dà le spalle

  5. Non parlare a voce bassa, non borbottare o bisbigliare



CamWeCare può aiutare te e le persone che ti circondano.


RICHIEDI UN APPUNTAMENTO OGGI: APPARECCHIO ACUSTICO GRATUITO PER 30 GIORNI!