I 12 falsi miti sugli apparecchi acustici

C'è chi dice che sono troppo grandi, troppo costosi o troppo scomodi


Vi ricordate i "cornetti acustici"? Quanto erano scomodi? Ad oggi invece la tecnologia ha portato ad un cambiamento epocale dei dispositivi per l'udito e qui di seguito vi mostriamo i 12 falsi miti sugli apparecchi acustici.


falsi miti apparecchi acustici


Gli apparecchi acustici non sono pratici né belli.

Eh no, questo è un ricordo del passato! Da molto tempo, infatti, indossare un apparecchio acustico non è più considerato penalizzante. Il progresso del settore ha raggiunto un livello tale da consentire la produzione di strumenti uditivi ausiliari miniaturizzati. Sul mercato sono disponibili vere e proprie meraviglie della tecnica come modelli retroauricolari mini ed endoauricolari praticamente invisibili. Anche il design è cambiato nel corso degli anni: anziché il classico beige, ora vanno per la maggiore i colori sgargianti che trasformano i piccoli apparecchi acustici in veri e propri accessori di moda. Questi sono i fattori che, al giorno d’oggi, fanno del loro utilizzo un atto molto consapevole. Gli apparecchi acustici non sono pratici né belli? Dimenticatevi questo luogo comune!



Un apparecchio acustico ha senso solo in caso di marcato indebolimento dell’udito.

L’indebolimento dell’udito è un processo lento e progressivo che non si verifica dall’oggi al domani. Per esempio, non riuscire più a percepire il ticchettio di un orologio significa già avere perso un po’ di capacità uditiva. Se per voi è difficile seguire le chiacchiere di un gruppo di persone con rumori di sottofondo (come al ristorante o in strada) o se l’esperienza di ascolto della vostra musica preferita non è più intensa come in passato, è molto probabile che sussista già un indebolimento dell’udito. Trascurare questo problema può avere conseguenze particolarmente pericolose come una perdita delle facoltà percettive generali, che può portare la persona a isolarsi letteralmente dal suo ambiente sociale.


L’apparecchio acustico è necessario soltanto nella terza età.

L’equivalenza “apparecchio acustico = vecchiaia” non è più valida. La diminuzione della capacità uditiva si riscontra con crescente frequenza anche tra i ragazzi o i giovani adulti per effetto degli influssi ambientali, di un’insufficiente protezione dell’udito durante i lavori artigianali, i concerti live o situazioni simili. In tutto il mondo, due terzi delle persone complessivamente colpite da perdita dell’udito hanno un’età inferiore ai 64 anni. I moderni apparecchi acustici sono stati perfezionati considerando questo nuovo gruppo target abituato alla tecnologia. Modelli con telecomando, interfacce bluetooth o per smartphone (come per esempio l’iPhone di Apple) e tante altre caratteristiche figurano già oggi nella gamma standard.

Gli apparecchi acustici sono così costosi che non me li posso permettere

Come per tutti i dispositivi tecnologici di alta qualità, anche per gli apparecchi acustici esistono diverse fasce di prezzo. I modelli della categoria più economica dispongono già di una dotazione di base valida e robusta. È inoltre possibile usufruire di un finanziamento o di un contributo.

Basta un solo apparecchio acustico anche se ho perso l’udito da entrambe le orecchie.

I rumori ambientali arrivano alle nostre orecchie da tutte le direzioni, vengono selezionati dalla nostra capacità uditiva spaziale e trasmessi al cervello. In questo modo, possiamo localizzare correttamente suoni e rumori e muoverci con sicurezza nel nostro ambiente. Se alterata da una perdita dell’udito, questa capacità uditiva spaziale dovrebbe essere per quanto possibile ricostituita – ed è quindi preferibile indossare due apparecchi acustici. Vi invitiamo a una sessione di prova gratuita: vi renderete conto di quanto due apparecchi acustici migliorino la percezione dell’ambiente che vi circonda.


Con un apparecchio acustico posso ricominciare subito a udire perfettamente.

Diciamo la verità: non è proprio così. Per quanto sia un capolavoro della tecnica, un apparecchio acustico funziona perfettamente solo se viene adattato alla singola persona. Dovendo elaborare una quantità di suoni e rumori che non percepiva più senza l’apparecchio acustico, anche il centro dell’udito nel cervello compirà a sua volta un processo di apprendimento. Persino il ticchettio di un orologio può sembrare molto strano in un primo momento.


Un apparecchio acustico fischia continuamente.

Negli apparecchi acustici di vecchia generazione si verificano spesso problemi tecnici come la presenza di un fastidioso fischio. La causa va ricercata nel trattamento del segnale in uscita dal condotto uditivo che, per errore, viene nuovamente amplificato dall’apparecchio. Il risultato è un "feedback" che provoca il fischio. Il livello tecnico raggiunto dai moderni apparecchi acustici è di gran lunga superiore: essi dispongono infatti di un “dispositivo di controllo del feedback” che sopprime questo disturbo.


Gli apparecchi acustici alterano pesantemente i rumori ambientali.

Per fortuna, sono ormai lontani i tempi in cui un apparecchio acustico poteva essere soltanto “acceso” o “spento” e il suo volume regolato su “alto” o “basso”. I modelli moderni offrono il massimo comfort per le esigenze individuali: ora è possibile regolare con precisione il volume, adattare l’apparecchio a qualsiasi problema di udito, escludere o sovrapporre i rumori ambientali e selezionare tante altre funzioni.


L’acufene non si può “eliminare” con un apparecchio acustico.

Eliminare forse no, ma di certo lo si può ridurre notevolmente! Avete mai sentito parlare dei “noiser”? Si tratta di apparecchi acustici adattati allo scopo specifico di inviare un segnale uniforme, che aiuta l’orecchio letteralmente a “non sentire” l’acufene. Avendo effetto su tutte le frequenze udibili, questo suono consente una notevole attenuazione soprattutto dei picchi particolarmente disturbanti dell’acufene. Per inciso: i noiser sono indicati anche per le persone che non hanno problemi di udito, proprio perché rendono più tollerabile l’acufene.


Basta regolare l’apparecchio acustico una volta soltanto.

Purtroppo quest’affermazione non è corretta. È assolutamente necessario che un audioprotesista compia regolazioni (per esempio degli auricolari) a intervalli regolari, perché l’orecchio continua a crescere nel corso della vita. Solo in questo modo è garantita la piena funzionalità degli apparecchi acustici.


Non posso provare un apparecchio acustico a casa.

E invece si può, e senza spendere nulla! Siamo convinti che l’apparecchio acustico possa essere testato correttamente soltanto nell’ambiente che vi è naturale – a casa vostra, in vacanza, sul lavoro. Dopo avere acquisito dimestichezza con l’apparecchio acustico e le sue varie funzioni in questa fase di prova, sarete in grado di godervi le nuove esperienze di ascolto.


Non posso telefonare con un apparecchio acustico.

Se utilizzate un cordless per telefonare, può accadere che il vostro apparecchio acustico produca un feedback (come quello descritto al punto 7) generando un fischio sgradevole. Per vostra fortuna, nel frattempo sono stati sviluppati degli ausili tecnici capaci di trasformare le telefonate con l’apparecchio acustico in piacevoli conversazioni. Al telefono e all’apparecchio acustico si può ad esempio collegare un trasmettitore senza fili, che crea esattamente la frequenza richiesta per eliminare i fischi fastidiosi durante le chiamate.


 

CamWeCare puoi aiutarti nella risoluzione dei problemi riguardanti la pulizia del condotto uditivo. Affidati a noi per risolvere i tuoi problemi di udito!


RICHIEDI UN APPUNTAMENTO OGGI e PROVA L'APPARECCHIO ACUSTICO CHE PIÙ SI AVVICINA ALLE TUE ESIGENZE GRATUITAMENTE PER 30 GIORNI!