L’apparecchio acustico migliore per me: 5 cose da sapere

Aggiornamento: 27 giu

Esiste un apparecchio acustico migliore? Non esiste una risposta si o no, ma il miglior apparecchio acustico dipende da variabili legate alla perdita uditiva, dalle esigenze e l'uso e dallo stile di vita.

uomo che indossa un apparecchio acustico retroauricolare

Tutti si chiedono: qual è l’apparecchio acustico migliore?


Non esiste una risposta secca, chiara e che mette d’accordo tutti.

È un po’ come chiedere quale sia l’auto, lo smartphone e il ristorante migliore.

Per ognuno di queste quesiti ci sono tantissime variabili e parametri da tener conto, oltre al parere soggettivo.


Per poter arrivare ad una risposta dobbiamo innanzitutto filtrare gli usi, le esigenze e in questo caso specifico anche lo stile di vita di un paziente con problemi di udito.



1) Quale tipo di ipoacusia ho?


L’udito è uno dei cinque sensi che il corpo umano possiede. Con il termine di ipoacusia si indica un deficit della funzione uditiva, ossia una riduzione della capacità di raccogliere ed elaborare i suoni. L’ipoacusia può essere classificata in diverse forme sulla base di vari criteri: causa del danno, sede del danno, età di insorgenza, gravità.


La gravità del danno uditivo influenza quindi le dimensioni e i modelli di apparecchi acustici tra cui potrai scegliere.



2) Quali dimensioni e forma possono andar bene?

Ad oggi esistono un numero molto alto di apparecchi acustici quindi sarà necessario considerare bene quale tipologia si adatta meglio alle tue esigenze. Gli apparecchi acustici esistono in diverse forme, dimensioni e colori. CamWeCare propone protesi acustiche innovative e di alta qualità che aiutano le persone con una perdita uditiva a sentire nuovamente bene. La nostra ampia gamma di prodotti vi dà la possibilità di scegliere gli apparecchi acustici più adatti alle vostre esigenze in grado di soddisfare ogni individuo, a prescindere dalla sua età, dal suo stile di vita, dal costo di un apparecchio acustico e dal suo grado di ipoacusia.


  • Apparecchi acustici Endoauricolari: oltre ad essere quasi completamente invisibili, in quanto vengono introdotti nel condotto uditivo, consentono un ascolto naturale... Scopri di più


  • Apparecchi acustici Retroauricolari: sono posizionati dietro l'orecchio. Questo tipo di apparecchio ha la più ampia flessibilità, in quanto consente la correzione di qualsiasi perdita uditiva... Scopri di più


  • Apparecchi acustici Open Fitting e RIC: dimensioni molto più ridotte rispetto ai retroauricolari. Possono completamente nascondersi dietro l'orecchio. Non utilizzano chiocciole, ma solo un sottilissimo tubicino inserito nel condotto uditivo, il quale rimane completamente aperto... Scopri di più



3) Quali caratteristiche sono necessarie?


Il funzionamento degli apparecchi acustici si basa sull'idea che l'amplificazione sonora permetta di riconoscere o individuare i suoni, che altrimenti l'orecchio non sarebbe in grado di percepire.


Sul mercato esistono svariati modelli di apparecchi acustici, ognuno di essi con più o meno caratteristiche "digitali" che ne consentono un miglioramento dello stile di vita. Ad esempio è possibile scegliere degli apparecchi acustici base che semplicemente migliorano il suono uditivo. Oppure altri che in più possono trasmettere direttamente il suono della tv, aiutare nelle attività quotidiane grazie all'intelligenza artificiale.


Basti pensare che alcuni apparecchi acustici possono essere regolati da remoto tramite video streaming, per cui non è necessario andare fisicamente dall'audioprotesista. Questo è un grande vantaggio se si vive a distanze lontane.



4) Quale tipo di alimentazione è la più funzionale?


Gli apparecchi acustici, come tutti i dispositivi elettronici mobili, presentano delle batterie per poter funzionare. Sono tre modi principali per alimentare gli apparecchi acustici: batterie usa e getta, batterie ricaricabili, e la tecnologia a celle di energia.


  • Batterie usa e getta: in questo caso, come dicono le parole stesse, le batterie devono essere sostituite quando scariche. Le batterie usa e getta devono essere pile zinco-aria. Al giorno d’oggi sono tutte senza mercurio ma nei modelli più vecchi potrebbero ancora trovarsi tracce di mercurio nelle pile.


  • Batterie ricaricabili: sono disponibili solo per determinati tipi di apparecchi acustici. Questo tipo di batterie è il più comune e sempre più apparecchi funzionano a batterie ricaricabili. Solitamente, le batterie vengono ricaricate attraverso un caricatore apposito durante la notte, quando l’apparecchio non è in uso oppure quando c'è la necessità.


  • Batterie a celle di energia: la soluzione a celle di energia è la più innovativa e tecnologica. Le batterie a celle si inseriscono dall'apparecchio in un'unità di ricarica non collegato alla corrente. Offre prestazioni di lunga durata grazie a un anodo avanzato e la ricarica ci impiega circa 20 secondi fornendo un'autonomia di circa 24 ore. Ha una maggiore durata anche in condizioni estreme, grazie al fissaggio sicuro e preciso della guarnizione. Questo tipo di alimentazione è funzionale alle persone particolarmente attive e che hanno la necessità di utilizzare l'apparecchio acustico anche durante l'attività fisica.



5) Qual è il suono?


Facciamo una piccola premessa. Quando il suono, rilevato dai microfoni dell'apparecchio acustico, amplificato e giunto al ricevitore, raggiunge l’orecchio interno, esso converte le onde sonore in impulsi elettrici.


Questi impulsi vengono trasmessi al cervello, che li elabora e li converte in un suono che riusciamo così a comprendere.


Tenendo conto della soggettività di ogni individuo e della sua "situazione clinica", il suono è chiaramente diverso da persona a persona. In più c'è la necessità di testare diversi apparecchi acustici sullo stesso paziente in modo da avere un confronto di suono paragonabile.


Molti apparecchi acustici hanno caratteristiche che servono a migliorare il suono circostante quando questo cambia e non tutti percepiscono lo stesso suono alla stessa intensità. C'è chi vive la maggior parte del tempo in luoghi non tanto rumorosi, altri invece sono costretti a stare in ambienti molto rumorosi e frequentati.


CamWeCare puoi aiutarti nella risoluzione dei problemi riguardanti i tuoi problemi di udito. Affidati al tuo audioprotesista di fiducia!


RICHIEDI UN APPUNTAMENTO OGGI e PROVA L'APPARECCHIO ACUSTICO CHE PIÙ SI AVVICINA ALLE TUE ESIGENZE GRATUITAMENTE PER 30 GIORNI!